martedì 8 gennaio 2019

La mia gita ad Amsterdam. In tre giorni







Desideravo da tanto poter andare ad Amsterdam. Nonostante abiti in Germania, a poche ore dal confine Olandese, non avevo mai trovato l'occasione di andarci. Finché l'estate scorsa, su invito di mia figlia, abbiamo deciso di organizzare una gita di quattro giorni. 
E ne é valsa la pena.
Adesso che ho letto del Festival delle Luci che si tiene ad Amsterdam lungo i Canali in questo periodo, ci tornerei subito.

Festival Luci Amsterdam fonte GET your guide


Fare un tour lungo i canali é comunque un esperienza bellissima, figuriamoci in questo periodo




Ovviamente, giá due mesi prima ho iniziato a pianificare la nostra permanenza. Sarebbero bastati tre giorni per visitarla?. In agosto poi avremmo trovato posto? Per primo ho acquistato i biglietti del treno, prenotando anche i posti a sedere. Io in genere utilizzo la piattaforma OMIO ex GoEuro piattaforma prenotazione voli aereo e treni qui, per prenotare e acquistare, sia i biglietti aerei che per il treno. È una piattaforma di facile consultazione, dove potete verificare in una sola pagina i vari orari e le varie tariffe, trovando cosí anche la più economica.

I biglietti si possono o stampare o utilizzare in formato digitale.
Guarda le tariffe e offerte voli e treni qui


Meno male che ho riservato i posti a sedere, perché altrimenti avremmo fatto il viaggio in piedi.

Su Groupon avevo visto una offerta per il pernottamento, un po' dislocato dal centro di Amsterdam, ma l'Albergo era nuovissimo e super attrezzato, e volevo evitare il caos che di sicuro avrebbe affollato le strade di sera.

Con un abbonamento giornaliero ai vari mezzi di trasporto, avevo risolto anche il problema dei trasporti da e per l'Albergo.


Hotel che tra l'altro vi consiglio, sia per il prezzo che per la pulizia ed efficienza dei servizi. Corendon CITY Hotel Amsterdam.
 In più hanno una colazione a Buffet da sogno, le camere sono nuovissime e dotate di WiFi.
Un servizio navetta da e per aeroporto è incluso con cadenza ogni ora.
Risolto la questione pernottamento, lo scoglio piú grande per me é stato decidere come ottimizzare il tempo da passare ad Amsterdam. Cosa volevamo vedere io e Giuli? Tra Musei, Canali, vie caratteristiche e mercatini, era impensabile riuscire a visitare tutto. Anche perché mi aspettavo sarebbe stato caldo. E così è stato infatti.
Tanto caldo che ad ogni piccola occasione ci ritrovavamo con i piedi in ammollo dove se ne presentava l'opportunitá.




E non eravamo le uniche.
Tornando ai miei programmi di viaggio, ho ovviato tutto consultando alcuni siti, e ne ho trovato uno in particolare che mi consigliava di prenotare per tempo le varie escursioni, GET Your Guide, dove venivano elencate le varie attrazioni, in base ad orari, prezzi e durata.


Potete vedere l'elenco delle varie attivitá o tour da fare ad Amsterdam qui
E anche questa è stata una scelta azzeccata.
Ho evitato le file per acquistare i biglietti per i musei, e ho prenotato anche  il giro in battello per i canali  di sera.
In più mi permettevano di disdire la prenotazione fino a 24 ore prima, garantendo il rimborso totale del biglietto.
Accettavano pagamento anche con paypal a 14 gg.

E finalmente è arrivato il giorno della partenza. Io e Giuli siamo andate in treno da Colonia arrivando a destinazione alle 10.00. Avevamo prenotato i biglietti con GoEuro che avevamo trovato ad un prezzo super conveniente comprandolo due mesi prima.
In due ore e mezza siamo arrivate ad Amsterdam e abbiamo depositato le valige in uno dei tanti depositi bagagli, dato che il ceck in in albergo era previsto per le 15.00
A questo proposito vi consiglio di prenotare per tempo anche questo servizio bagagli, che trovate in prossimitá della stazione Centrale, o con altri uffici sparsi per la cittá. Nella stagione di punta sono tutti occupati. Libere dai fardelli abbiamo iniziato ad esplorare la cittá.



Per scoprire che eravamo capitate in pieno Gay Pride e che la cittá era vestita tutta di colori sgargianti. Se mi aspettavo di trovare una cittá piena di turisti mi sbagliavo. Era stracolma. Ma l'atmosfera era talmente bella e gioiosa, con ad ogni angolo musica e risa, che il disagio creato dl caos passava in secondo piano.

La nostra prima tappa a piedi é stata la famosa Piazza Dan


Con una capatina ai centri commerciali ( d'obbligo lo stand di Charlotte Tillbury)


 Un giretto alla exibition dedicata a Prince


Ed una prima esplorazione dei canali.




Per quanto in questi anni abbia cercato di immaginarmeli, visto che la chiamano la Venezia del Nord,
non erano proprio come me li aspettavo, ed hanno un fascino tutto particolare, specie le Boothouse, le famose case galleggianti, dotate di tutti i confort, terrazzi e giardini pensili.
Ma questi si possono ammirare appieno solo con una crociera tra i canali. Noi abbiamo scelto di fare quella nel tardo pomeriggio, perché all'imbrunire si accendono tutte le luci, donando un tocco magico.
Vi consiglio di prenotare per tempo l'escursione. Potete consultare l'elenco delle varie gite qui






 Altra tappa dopo una abbondante colazione il mattino successivo, è stata la visita al Museo di Rijk.
Anche in questo caso avevo prenotato i biglietti per tempo su Get your Guide, per evitare le code e rischiare di restare anche senza biglietto visto che era alta stagione. Potete consultare tariffe e orari di Rijk Museo qui
La parte comoda é che in quella zona sono locati tutti i migliori Musei, compreso quello di van Gogh e Monc. Quindi volendo, si possono fare nello stesso giorno, ma diventa una scarpinata.
 Per visitare tutto il Rijk Museum, visto che i settori sono tantissimi, vi consiglio di procurarvi una mappa, di andare per tempo, e forniti di scarpe comode. Se vi piace l'arte é una tappa obbligata. 
All'entrata dovrete depositare eventuali borse o zaini negli appositi contenitori dotati di chiave. 
Potrete portare con voi smarthphone e macchine fotografiche.
Con il biglietto potrete entrare ed uscire più volte nell'arco della giornata, magari per una pausa boccone, o una presa d'aria nei loro bellissimi giardini.










 Cosa che noi abbiamo fatto a pausa pranzo. Nei dintorni ci sono parecchi Bistrot dove gustare delle ottime insalatone o sandwich super imbottiti.

Giardini Rijk Museo



 Con una pausa al Bar ristornate giusto di fronte al Museo.



Della gita lungo i canali vi racconterò nella seconda parte. A proposito di crociere nei canali. In questo periodo e fino al 20 gennaio, c'è il Festival delle Luci Ad Amsterdam e spero di tornarci in tempo.



Tour dei Canali e festival delle luci qui

Alla prossima



Nessun commento:

Posta un commento

Post in evidenza

Autoshiatsu per depurare il fegato

Esercizio Shiatsu depurazione fegato Mia sorella mi ha chiesto consigli per depurare il fegato, più specificamente un esercizio Shia...